giovedì 11 maggio 2017

Restyling della Queen Victoria a Palermo



La famosa Queen Victoria , fiore all'occhiello della secolare compagnia di navigazione Cunard Line , è ormai da tre giorni nel bacino cantieristico di Palermo al fine di effettuare importanti e significative operazioni di restyling. 

La nave , costruita tra il 2006/2007 , risulta essere la prima nave costruita da Fincantieri per l'armatore inglese Cunard Line.
Varata nel 2007 , vanta una stazza lorda di 90000 tsl , 294m di lunghezza per 32m di larghezza e 61,5 di altezza.
vietata la pubblicazione 


vietata la pubblicazione











Misure limitate , rispetto ai grandi giganti del mare costruiti negli ultimi anni , ma , tuttavia , la Queen Victoria non ha come fine la soddisfazione dei bisogni della società basata sul consumismo, ma si pone l'obiettivo di tramandare una storia basata sul lusso , la perfezione e la qualità che da sempre contraddistingue la Compagnia inglese. 

La Queen Victoria rimarrà in bacino per circa un mese e le spese di ammodernamento , secondo indiscrezioni , ammonterebbero a circa 40 milioni di Euro.


Vietata la pubblicazione 


Oltre le operazioni di ripresa delle strutture esterne ( tipiche di ogni dry dock ) , la compagnia ha commissionato ammodernamenti agli ambienti interni introducendo : 
  • Cabine Britannia Club
  • Rimodernamento delle Grand Suites e Penthouse Suites
  • Introduzione sale carte 
Attraverso l'ottimizzazione degli spazi scandita dall'introduzione di accessori di lusso ( TV , stoffe pregiate e accessori per caffè e tè ) la compagnia si pone l'obiettivo di garantire un maggiore comfort ai propri clienti .

Prima del restyling la Queen Victoria ha effettuato una lunga crociera che l'ha vista navigare per i mari del mondo e , al suo rientro effettuerà una crociera di quattro notti con partenza da Southampton e con scali ad Amsterdam e Zeebrugge . 
Alla fine di questa piccola crociera '' inaugurale '' la nave riprenderà la sua programmazione di crociere nel Mediterraneo e nelle Isole Canarie.





Si ringrazia vivamente l'esecutore di queste foto che , gentilmente , le ha donate al Blog Navigare che Passione al fine di pubblicazione 




Alla prossima da Navigare che Passione


- Adriano 



lunedì 8 maggio 2017

Benvenuti a Geirangerfjord

L'Estate è quasi alle porte e , con essa , anche le crociere nei suggestivi ed unici fiordi norvegesi.
Le meta più ambita ?
Geirangerfjord ! Fiordo che si snoda nella regione norvegese del Sunnmøre tra l'omonimo piccolo villaggio turistico di Geiranger e il villaggio di Hellesylt.



Il porto di Geiranger , con più di 150 attracchi crocieristici l'anno , risulta essere il terzo porto turistico più frequentato della Norvegia
L'ufficiale apertura della stagione 2017 è avvenuta pochi giorni fa , esattamente il 03/05, e
ad aprire le danze c'ha pensato la Celebrity Eclipse , nave da crociera della Celebrity Cruises ( compagnia armatrice ) commissionata nel 2006 e varata nel 2010 .



A bordo di essa più di 2850 passeggeri che , attraverso svariate tipologie d'escursioni , hanno potuto visitare il fiordo.
Quest'ultimo , nonostante le dimensioni , riesce ad ospitare e a gestire facilmente più '' palazzi sul mare '' al giorno.
Solo poche navi , in base ad accordi stabiliti precedentemente , ormeggiano in banchina mentre le restanti si ancorano in rada utilizzando le lance di salvataggio come collegamento nave/molo.



Primo approdo 2017 - Geiranger - webcamporto

Geiranger è la meta che soddisfa pienamente il desiderio di essere immersi nella natura attraverso un mix di mare,montagna e neve in un unico quadro facilmente visitabile in ogni suo punto.


Dai punti panoramici di Flydalsjuvet ( facilmente raggiungibile ) e Dalsnibba si può avere una visione completa di ciò che è realmente la maestosità del fiordo.
In aggiunta , poiché non di sola natura vive l'uomo , alla Geiranger Sjokolade si può gustare una dolce cioccolata guardando dall'alto la nave che vi sta accompagnando in questo viaggio.




Geiranger è solo da scoprire e a voi non mi resta che darvi le coordinate geografiche :
62°06' 11.23 N
007° 11' 34.63 E


Cliccate qui --->   Cruise Calls    per scoprire gli approdi previsti nell'Estate 2017 .


Buon viaggio e buona navigazione .

-Adriano


giovedì 26 maggio 2016

Conservazione alimenti e cucina


Rubrica : Gastronomia on board


Le navi da crociera sono uno dei luoghi dove bisogna prestare maggiore attenzione alla qualità del cibo e alla conservazione di quest’ultimo, infatti dalle cucine di una nave da crociera escono circa 25.000 piatti al giorno. Quindi la domanda sorge spontanea, come si fa a mantenere standard elevati per la qualità del cibo e per il mantenimento delle materie primarie?
L’esigenza di soddisfare un disparato numero di passeggeri è un must durante il soggiorno, le crociere hanno un buffet che prevede l’apertura dello stesso 24/24 h si parte dalla colazione (italiana, inglese, americana, thailandese o messicana) per finire con lo spuntino di mezzanotte, quindi vi è una continua esigenza di frutta, verdura, carni e pesci freschi.
Frutta e verdura, vengono caricate ad ogni tappa della crociera, solitamente.
 Una volta a bordo vengono lavate, asciugate e tagliate in apposite stanze per il menù del giorno, altre vengono stoccate in celle frigorifere.

Carni e pesci vengono lavorate in un luogo isolato per evitare contaminazioni da parte di altri cibi. Vengono stoccati e sistemati in enormi celle frigorifere ognuna per ogni tipologia di pesce o taglio di carne. La compartimentazione risulta essenziale in questo ambiente perché carni e pesci possono essere consumati crudi, quindi un errore nella temperatura di conservazione o nella sistemazione può portare ad un’intossicazione alimentare.
Passando ai piani della cucina, i menù vengono preparati preventivamente da un team di chef sulla terraferma.  Durante un soggiorno medio, vengono consumati circa 500 kg di carne al giorno, 5000 uova alla settimana e tonnellate di frutta e verdura. L’esigenza di tutti questi alimenti è dovuta soprattutto alla multiculturalità dei passeggeri. Chi sta in cucina deve sopperire ad ogni necessità anche la più meticolosa.

Come in ogni cucina rispettabile sulla terraferma, anche in mare la pulizia delle stoviglie, dei ripiani e degli utensili è uno dei punti cardine. L’acqua che viene usata naturalmente è quella del mare, tramite un processo di desalinizzazione dell’acqua, per i più esperti (osmosi inversa), l’acqua viene purificata dal sale e da sostanze nocive. In media, il consumo di acqua per ogni passeggero si aggira intorno ai 70 L.
Il lavoro dietro ad ogni piatto quindi è frutto di una vera e propria catena di montaggio, che ha come scopo la soddisfazione di ogni passeggero.

Alla prossima da Navigare che Passione

Fabio C.

mercoledì 25 maggio 2016

Gastronomia on board



Buonasera amanti delle navi e del mare ,
apro questo nuovo post comunicandovi una decisione presa da qualche settimana e che già vi avevo annunciato nella pagina facebook del blog ( clicca qui per pagina facebook ) .
Dopo sei anni di lavoro autonomo, ho deciso di affidare una nuova rubrica ad un amico fidato e competente.
La rubrica che troverete , insieme alle altre , in alto nella Homepage tratterà di uno dei settori più importanti e fondamentali a bordo delle navi , ovvero : il settore gastronomico .
La gastronomia è infatti l'insieme delle tecniche e delle arti culinarie ; Arti alle quali le compagnie crocieristiche hanno sempre dato una rilevante importanza.
Questa rubrica nasce dall'unione dei nostri interessi : mare e cibo.
Il cibo è ciò che accompagna ogni singolo membro della nave durante la permanenza a bordo nonché elemento essenziale per lo svolgimento delle attività quotidiane.
La rubrica sarà aperta con il primo articolo domani sera ,sarà gestita da Fabio C. (editor del Blog Navigare che Passione ) e si chiamerà '' Gastronomia on board ''. 
Mi raccomando , non perdetevi il primo post .




A presto da Navigare che Passione

Adriano e Fabio

venerdì 20 maggio 2016

Le vostre foto !

Quest'oggi , per la rubrica '' le vostre foto '', voglio pubblicare uno scatto realizzato da Orazio E.
Nello scatto è visibile la Costa Fascinosa in navigazione vicino all' Isola delle Femmine (PA)
Attenzione , non fatevi ingannare dalla prospettiva !
la nave era ad un'adeguata distanza di sicurezza .




Orazio E. (c)




Anche voi , non esitate a mandare le vostre foto ! Queste verranno certamente pubblicate nel blog .


Invio foto :      navigarechepassione@gmail.com




Alla prossima da Navigare che Passione




Adriano

Un futuro ecosostenibile

EcoShip




In questo post voglio parlarvi di un nuovo concetto di nave , una nave del futuro , una nave progettata per rispettare l'ambiente al fine di ristabilire , filosoficamente parlando,  quel legame di armonia presente tra uomo e natura.
Parliamo del progetto Ecoship , presentato da Peace Boat (link per maggiori informazioni) , Organizzazione non governativa giapponese che da anni lotta a favore dell'ambiente.
Il nuovo progetto , realizzabile entro il 2020 , è stato presentato alla COP21 , riunione avvenuta a Parigi alla fine del 2015 che ha visto la partecipazione di ben 195 stati che hanno preso un importante impegno , ovvero : ridurre le emissioni entro il 2020 e promuovere le energie rinnovabili con il conseguente allontanamento dagli idrocarburi .
Ecoship è una nave da crociera che prevede una riduzione delle emissioni di CO2 del 40% rispetto alle unità a propulsione convenzionale pre 2000.
Il progetto prevede la maggiore minimizzazione degli sprechi prevedendo sia il riciclo dell'energia , sfruttando anche quella inutilizzata dai motori e sia il riciclo delle acque reflue , dopo un processo di purificazione per consentirne l'utilizzo.
I motori saranno ibridi LNG combinati con pannelli solari e generatori eolici retraibili.
Pannelli solari retraibili
Lo scafo ,il quale presenta una forma aerodinamica , avrà l'antivegetativa non tossica.
EcoShip avrà una stazza di 55.000 tonnellate e potrà ospitare ben 1500 passeggeri.
Si appresta ad essere una nave dal design innovativo , tutto grazie al lavoro dello studio Oliver Design.
EcoShip , quindi , si appresta a diventare la nave del futuro e , probabilmente , il modello di partenza per nuove tipologie di future navi.








A presto da Navigare che Passione








Adriano

mercoledì 18 maggio 2016

Donna cade dalla Carnival Liberty




La Guardia Costiera Americana ha sospeso le ricerche della donna caduta fuoribordo , in data 13/05/2016 , dalla Carnival Liberty .
Carnival Liberty 

La nave da crociera della Carnival Cruises si trovava in navigazione verso il Golfo del Messico quando la trentatreenne ,Samantha Broberg,  è caduta dal ponte 10 della nave.
Samantha Broberg
Il tutto è avvenuto intorno alle 02:00 am ed è stato filmato dalle telecamere di sorveglianza dalle quali è stato possibile riscontrare la caduta della donna dalla ringhiera sulla quale era seduta.
Scattato l'allarme , le ricerche sono subito iniziate e coadiuvate dalla United States Coast Guard.
La Guardia Costiera Americana ha ricoperto un'area di ricerca di 4300 miglia in poco meno di 20 ore.
Nessuno dei compagni di viaggio si era accorto della sua mancanza .
L'allarme è scattato alle ore 17:00 , dopo la visione dei filmati delle telecamere dei ponti interni/esterni.
Precedentemente, infatti , era stata esposta una gigantografia all'interno dei locali della nave, ove si richiedeva la collaborazione di tutti i passeggeri al fine di ritrovare la donna ritenuta ancora a bordo.
La Carnival Liberty , intanto , ha fatto ritorno a Galveston(Texas ) terminando , così , la crociera nelle acque messicane .





























La foto mostrano le indagini eseguite dal personale di bordo sul ponte 10 . PH : Sofia Ojeda


Alla prossima da Navigare che Passione

Adriano 


post n. 400

mercoledì 13 gennaio 2016

Ed è lei che mi richiama

Oggi ,a quattro anni di distanza da quel tragico evento , ripenso all'ultima volta che la vidi salpare dal terrazzo di casa mia.
Io , ragazzino , con un amore smisurato verso le navi e verso il mare ero lì con il freddo di Gennaio immobile a guardarla e ad ammirarla nella sua smisurata bellezza.
Ed oggi ,dopo tanto tempo , è forse proprio lei che mi chiama a riscrivere in questo blog dove per anni quotidianamente ho impegnato ore della mia vita a curare la mia passione . Una passione che non muore ma che è stata messa da parte per costruire la strada del mio futuro. Si cresce e ciò che si ama viene , a volte , messo da parte.
Ma il mio amore per il mare e per le navi rimane sempre qui e sempre qui , nel mio cuore , rimane il suono della sirena della Concordia che echeggia nelle mie orecchie accompagnato da un debole vento di Maestrale osservando il Golfo di Palermo.
Costa Concordia - Palermo 2011 - Navigare che Passione (c) 




Alla prossima , come sempre

Adriano . 

venerdì 7 febbraio 2014

Concordia , lunedì riparte il processo!

Il processo a Francesco Schettino riparte lunedì a Grosseto.
Questa volta verranno ascoltati i quattro ufficiali della capitaneria di porto di Palermo che indagarono sull'incidente accaduto alla Costa Fortuna , di fronte l'isola di Capri , nel 2005.
Lunedì verrà ascoltato anche Massimo Garbarino , comandante della Costa Concordia nel 2011 , quando fu fatto un inchino all'isola del Giglio.

INCIDENTE 2005 COSTA FORTUNA

Secondo delle fonti , la Costa Fortuna nel 2005 dovrebbe avere avuto ,durante una navigazione turistica vicino all'isola di Capri , un incidente simile a quello della Costa Concordia.
La nave avrebbe dovuto urtare un basso fondale imbarcando acqua.
Venne riparata successivamente nella notte seguente nei cantieri navali di Palermo.
A dirlo sarebbe stato il fotografo di bordo della nave , il quale , testimone oculare , avrebbe detto tutto dopo l'incidente della Concordia all'Isola del Giglio.


LA PRECISAZIONE DI COSTA 
 Costa Crociere smentisce categoricamente che la nave Costa Fortuna sia stata coinvolta in una collisione con un basso fondale nei pressi di Capri il 13 giugno 2005, che avrebbe provocato una via d'acqua nello scafo, secondo quanto riportato da un fotografo della nave a bordo in quel periodo.La nave, dopo la partenza dal porto di Napoli, avvenuta alle ore 19.00 del 13 giugno 2005, aveva rilevato un problema tecnico minore alla tenuta di un asse porta eliche, che pur non compromettendo la sicurezza della navigazione, aveva consigliato una breve sosta in bacino a Palermo, successivo porto di destinazione della crociera.La riparazione venne eseguita con successo tra il 14 e il 15 giugno 2005. Il 15 giugno la nave potè lasciare il bacino, con certificati rilasciati dal RINA, l’autorità di certificazione competente, e ripartì da Palermo alle ore 9.00 per continuare il suo itinerario di crociera previsto.Costa Crociere si riserva ogni iniziativa legale nei confronti di coloro che continuassero a diffondere notizie dal contenuto diffamatorio per l’immagine della compagnia.


Alla prossima da Navigare che Passione

Adriano

giovedì 6 febbraio 2014

La fregata Libeccio passa il testimone al cacciatorpediniere Mimbelli


E' avvenuto oggi , nel porto di Salalah (Oman) , il passaggio del testimone da parte della fregata Libeccio al cacciatorpediniere Mimbelli nell'attività di contrasto dell'antipirateria nell'aerea geografica dell'Oceano Indiano e del Corno d'Africa. La fregata Libeccio , partita il 6 ottobre scorso , ha monitorato più di 8000 mercantili oltre ad aver offerto assistenza alle piccole imbarcazioni in emergenza.
Dal 2010, grazie a missioni di questo tipo , si è riscontrato una riduzione di attacchi di pirateria del 93%.
Nave Mimbelli , quindi, entra a far parte dell'operazione Ocean Shield integrata nella Task Force della NATO.
Gli obbiettivi della missione non saranno solo quelli di prevenzione alla pirateria ma anche di cooperazione e di solidarietà. Durante le soste saranno distrubuiti beni umanitari alle popolazioni del Corno d'Africa e dell'Oceano Indiano.








Ma cos'è l'operazione Ocean Shield ?

L'operazione Ocean Shield costituisce il contributo della NATO agli sforzi internazioni antipirateria a largo e lungo le coste del Corno d'Africa e della Somalia.
L'Ocean Shield è iniziata il 17 Agosto del 2009. Mentre le operazioni militari finiscono in mare , la NATO collabora a livello regionale a fianco degli stati che chiedono di poter sviluppare capacità per combattere la pirateria.


FOTO : MARINA MILITARE ITALIANA (c)


Alla prossima da Navigare che Passione

Adriano